Narrare la storia di quest’azienda ha un sapore antico…il sapore di una vita… una vita dedicata alle Campane…

Rubagotti Carlo è Rubagotti Campane.

Correva il lontano anno 1962, quando un ragazzino dalla volontà di ferro varcò la porta dell’antica ed ormai estinta Fonderia di Campane Filippi, una delle più antiche fonderie fabbriche di automazione per campane e orologi, qui da vecchi maestri apprese un’arte poco conosciuta, l’Arte delle Campane.

Dopo aver elettrificato e sistemato migliaia di campane, alla chiusura dell’azienda Filippi, iniziò una nuova avventura, un’avventura piena d’orgoglio e serietà, fatiche e successi, un’avventura che per un giovane di quel periodo era un grande passo, Rubagotti Carlo aprì la sua azienda di campane e orologi.

In un breve periodo, grazie alla sua serietà e capacità venne conosciuto in tutto il Nord Italia, realizzando ed elettrificando concerti di grande prestigio e qualità.

Carlo negli anni ha dimostrato una grande lungimiranza ed un enorme apertura tecnologica, investendo molto nella realizzazione di programmatori, schede elettroniche e software atti alla movimentazione e salvaguardia delle campane e degli orologi.

Nell’anno 2006 Carlo ha voluto donare il lavoro di una vita ai figli Giacomo e Luca, che ormai da anni lo affiancavano all’interno dell’azienda, creando così un motivo di successione che è suo orgoglio e piacere.

Al momento attuale, Giacomo e Luca coadiuvati da validissimi collaboratori e sempre assistiti dal padre sono senza ombra di dubbio depositari di un’arte da molti dimenticata e da pochi tramandata, la loro grande passione e la forza di volontà trasmessagli dal padre hanno fatto sì che negli ultimi anni la concretezza delle loro opere sia stata apprezzata oltre che in Italia anche all’Estero.

L’enorme passione per l’Arte delle Campane ha fatto sì che ora l’azienda si distingua, oltre che per la capacità di realizzare nuove strutture e concerti campanari, anche dalla specializzazione nell’effettuare interventi di restauro completi, per Campane, Incastellature ed Orologi, effettuando in questi anni recuperi storici sia su strutture metalliche che lignee.

L’ultima generazione dei Maestri Campanari Rubagotti ha deciso di mischiare Sacro e Hi-Tech.

Così Il grande giornalista Gianluca Nicoletti ci descrive con uno splendido Reportage su Wired.

1 Marzo 2010 di Gianluca Nicoletti  – WIRED

Gianluca Nicoletti

In Chiari, nel bresciano si sta scrivendo la fase 2.0 per chi suona la campana. Carlo Rubagotti è il capostipite di un polo tecnologico a conduzione familiare specializzato in attrezzature per campanari. Da cinquant’anni palpeggia campane per saggiarne la voce e lo stato di salute. Come un dentista con i molari di un paziente un po’ âgé le scrosta e le lucida, le lima e le riaffila. Infine per farle tornare come nuove le vaporizza a sabbiatura dolce con una sua miscela segreta a base di gusci di noccioline.

Rubagotti senior da quando aveva sei anni si preoccupa di sonorizzare cattedrali, chiese e cappelle. Aveva iniziato come garzone alla storica fonderia Filippi di Chiari, negli anni ’60 fu il primo a elettrificare campane in Italia attaccando a un motore le 11 campane del duomo della sua cittadina, quello protetto dai santi Faustino e Giovita. Oggi è il capolavoro di famiglia nel suo upgrade che permette il controllo remoto degli scampanamenti direttamente dal BlackBerry del prevosto.

Il cyber campanaro virtuale è un’ esclusiva della Rubagotti Family, singolare crogiolo di devoti e smanettoni che lavorano a una santa filiera che inizia dal martellare sull’incudine e si sublima sfiorando un monitor touchscreen. Tre anni fa l’azienda è passata in mano ai due figli Giacomo e Luca, sin dalle fasce anche loro tra preti da conquistare, campanili da scalare, campane e orologi da smontare aggiustare cambiare. I due ragazzi però fanno un passo avanti, applicano ogni possibile idea che viene dal mondo dell’elettronica e dell’informatica all’antico mestiere di cui hanno ereditato i segreti. I due Rubagotti junior sono convinti che il futuro della loro arte sia il passaggio dal muscolare al wireless. Sono pure certi che questo epocale cambiamento nel campo degli scampanatori non possa passare per un semplice aggiornamento della tecnologia.

Chi, come loro, di preti se ne è masticati parecchi, sa bene che bisogna lasciarli parlare molto, prima di entrare in merito alla proposta di adeguamento del loro campanile alle meraviglie del sistema RCTouchBell, un emulatore elettronico di campanaro che i due figli hanno inventato assieme all’amico Giorgio Campiotti, un appassionato di tecnologia che da una decina d’anni si è messo d’impegno con i due ragazzi per inventarsi sacri marchingegni. Un sodalizio che ha drasticamente svecchiato il business familiare con ardite e innovative soluzioni che stravolgono ogni tradizione di sinestesia devozionale.

Nasce così il loro Hal9000 dei sagrestani: RCTouchBell include un centro di controllo di un sistema nervoso che, a seconda delle esigenze, può essere più o meno complesso. Per i nostri ragazzi la chiesa da “trattare” è un organismo che necessita di aiuto per espandersi “sensorialmente”. Il primo compito della loro centrale operativa è quello tradizionale di comandare la movimentazione delle campane e dei martelli. Chi non ha nel sangue l’arte campanaria, non sa come sia complesso quel gioco tra forza muscolare e contrappeso. Un mastro campanaro poteva far concerti dando semplici cenni ai suoi assistenti; quelli, attaccati alle corde come in un bungee jumping, volavano e scendevano facendosi trasportare da qualche tonnellata di bronzo che rubava gravità al loro corpo e trasformava carne e ossa in vibrazione sonora potente e distruttiva.

Non basta attaccare un motore elettrico all’incastellatura di una campana e farlo andare. Un campanile non serve solo come supporto di pietra per campane, ma è più una centrale per la scansione del tempo, un’antenna che trasmette in onde risonanti ogni annuncio di vita, di morte, di tripudio o di catastrofe. Chiacchierando con i Rubagotti si impara persino che il campanile può diventare un cannone per sparare anatemi per demoni. «Una volta sono stato mandato da un prete fino in cima a dare l’olio santo alle campane», racconta uno dei figli. «Bisognava usarle per un esorcismo. È una formula molto segreta che pochi conoscono. Tutto è basato sul far suonare la campana orientata a levante rispetto a quella di ponente».

Per non tradire il senso di ogni minima sacra oscillazione, le campane movimentate dai maestri Rubagotti hanno un sistema di contrappesi e frizioni capaci di riprodurre il dondolio che solo un umano attaccato alle corde produce. L’alchimia tra carne e bronzo, che è l’anima del suono di una campana, è clonata in un algoritmo che riesce a stabilire quell’istante di immobilità prima della fase discendente dell’oscillazione. Un istante che non è mai uguale, non è mai allo stesso punto dell’escursione, ma muta a mano a mano che la campana si lascia addomesticare da chi l’ha presa al laccio e vuole domarla. Insomma, i Rubagotti giurano che nessun orecchio del mestiere potrebbe mai capire la differenza tra il naturale e l’artificiale quando ascolta il loro robot scampanatore.

La questione non è banalmente solo legata all’appagamento estetico. La disciplina che regola “L’uso delle Campane Consacrate o Benedette” è stabilita nel Codex Iuris Canonici al canone 1169 ed è così importante che la Congregazione del Concilio, con un decreto del 1931, la ricordava ai parroci, ordinando loro di richiedere l’autorizzazione del Vescovo ogni qualvolta «gravi e urgenti motivi determinino la necessità di suonare le campane per usi non strettamente relativi al culto divino».

Mi sono accorto che con le campane non si gioca quando mi hanno fatto vedere il pannello di comando computerizzato nella basilica di Chiari. Non ho resistito a maneggiare un po’ l’interfaccia: bastava toccare e le campane decine di metri più in alto cominciavano a suonare a distesa al mio comando. All’istante il giovane vice prevosto don Fabio, ancora con la tonaca lunga, è accorso assieme al sacrestano per riportarmi all’ordine… «Non si fa, non si fa… È assolutamente vietato il suono “Ad usus mere profanos”».

Anche il più laico degli osservatori non può pensare che la liturgia sia solo una sovrastruttura allegorica della religione: il rito segue canoni ben precisi perché le corrispondenze tra i vari livelli di partecipazione siano realmente collegate tra loro e non affidate al caso. Vale per l’orientamento dei luoghi di culto, per le geometrie delle costruzioni, per i materiali impiegati, per i riferimenti iconografici. Esistono nella religione cattolica anche norme imprescindibili che regolano la perfetta sinestesia dei luoghi sacri. È indubbio che la tecnologia che favorisce la definizione dello spazio sacro debba necessariamente aggiornarsi, non a caso proprio quei Rubagotti tecnicamente evoluti furono ufficialmente incaricati dal Vaticano di metter le campane nella prima chiesa non clandestina costruita nell’Albania post comunista. Dove si partiva da zero tanto valeva prendere il prodotto più evoluto che offrisse il mercato, a patto che l’innovazione passasse attraverso persone consapevoli che metter le mani al suono di una chiesa non è la stessa cosa che farlo in una discoteca.

Per la stessa ragione l’adeguamento e l’innovazione anche dell’illuminazione artificiale devono essere progettati da specialisti del settore in tandem con liturgisti. Insomma, in ogni punto di passaggio dall’umano al sacro, se interviene un elemento “artificiale” occorre che sia sotto il controllo di chi amministra tale porta di accesso. La Cei già da tempo è su questa linea, tanto che in una nota liturgica del ’96 stabilisce che l’illuminazione artificiale delle chiese debba tenere in primo luogo conto delle esigenze della celebrazione liturgica, evitando «l’eccessiva luminosità» che potrebbe trasformare i luoghi di culto in supermercati.

I Rubagotti sono consapevoli di maneggiare non soltanto pezzi di metallo. Ogni campana è consacrata e benedetta secondo il rituale che risale all’ottavo secolo e che la destina stabilmente al culto. Loro sono la prova che tra la gente di chiesa il pregiudizio della tecnologia “contro natura” si sta attenuando in una prospettiva di comfort ed efficienza delle funzioni liturgiche. Niente più chiese fredde rischiarate solo dalle fiammelle delle candele, non più impianti di diffusione gracchianti, confessionali che somigliano a macchine da tortura.

Nell’officina di Chiari convive l’arcaica dotazione del campanaro tradizionale con l’innesto dell’estro di un demone cyber folle. La Rubagotti factory è un piccolo laboratorio di elettrotecnica appoggiato alla forgia che serve a ridare l’anima a quei batacchi di ferro del Seicento. Pesano quanto un bambino, ma sbattono sui campanoni a cui sono attaccati grazie a un sistema wireless che permette di movimentare quei mastodonti sospesi tra le nuvole passando i polpastrelli sul palmare.

È un guazzabuglio di perni e cuscinetti che lasciano una manata di morchia nera addosso a chi li sfiora, ma ammucchiati assieme a scatoloni di circuiti stampati, microchip, schede madri e processori grazie a cui, non si sa come e perché, quando Rubagotti junior mette mano all’iPhone una campana posizionata su un bancone test attacca a muoversi come fosse l’automa di Il pianeta proibito: «Ecco, il parroco dal suo palmare può comandare, ovunque si trovi, ogni campana di ogni chiesa sotto la sua giurisdizione. Non sai quanto sia utile da queste parti. Con la crisi delle vocazioni un prete deve gestire anche tre o quattro parrocchie da solo e come farebbe altrimenti?». Questo significa comunque la possibilità di creare un “palinsesto liturgico” che assegni a ogni ora, funzione, ricorrenza un particolare scampanio, un rintocco, con complessità crescente che può arrivare a produrre anche veri e propri concerti.

Nel Duomo di Chiari il campanaro più giovane è in lotta con l’anziano che si vede minacciato dal digital divide. Posso capirlo: fino agli anni ’60, quando Rubagotti padre regalò la prima anima motorizzata a quelle campane, il campanaro ci viveva sotto, in un loculo dove passava giorno e notte tra le necessità liturgiche e il fiasco di vino. Ora l’appartamento del sacrestano è invaso dai possenti motori mossi da un processore che fa far loro lo stesso servizio, con le stesse umane oscillazioni, di quel vecchio ubriacone.

Sempre con la stessa centralina si possono gestire gli impianti di diffusione sia interni che esterni: dal campanello del chierichetto fino alla canna più possente dell’organo. Per controllare ogni sfumatura dell’habitat devozionale è stata studiata un’interfaccia touchscreen da 12 pollici: «I colori non sono casuali, così come non lo è il numero massimo di pulsanti presenti sullo schermo e la loro disposizione. Il nostro obbiettivo era garantire la massima facilità di utilizzo anche a un prete anziano». Oltre a poter gestire tutta la domotica parrocchiale, dalle luci alla climatizzazione, agli orologi – e addirittura a un gufo robotico “dissuasore” di volatili dallo scacazzamento molesto – l’RCTouchBell è da poco in grado di fornire un servizio di “realtà sonora aumentata” per le chiese più dimesse che non hanno campanili o non possono permettersi campane vere. Il problema dell’inadeguatezza dell’aura sonora penalizza le già orripilanti chiese moderne: «In passato si sono sempre affidati alla diffusione audio di campane registrate, addirittura con delle trombe da fiera di paese. Qualità audio e spettro sonoro sono limitatissimi», mi dice Giorgio Campiotti.

«Io sono un bassista, suono da anni in un gruppo e mi posso definire piuttosto esigente in termini di suono. Ho studiato lo spettro audio e la rifrazione sonora di un vero impianto di campane e, con un analizzatore di spettro, sono riuscito a tracciare il range sonoro che dovrebbe avere un diffusore audio per riuscire a “ingannare” un ascoltatore. Una volta si sono presentati dei paesani per chiederci dove fossero le campane».

Dopo mesi di prove, i tecno campanari sono così riusciti a sviluppare un impianto audio da montare in cima al campanile, così da permettere la riproduzione audio di campane pre registrate o, volendo, anche degli mp3 di qualsiasi altro tipo di musica. L’impianto può raggiungere un range da 20 Hz-20 kHz che arriva a far illudere di ascoltare campane vere. Campiotti e soci per rendere il sortilegio più verosimile si sono messi a fare riprese audio di qualità con attrezzatura professionale, rubacchiando il suono da campanili di tutta Italia. Ora che hanno una bella libreria di rintocchi campionati per animare le campane virtuali dei loro clienti, stanno pensando di metterne un po’ online. Non è da escludere che, se il progetto andasse avanti, tra parroci e sacrestani non entri in uso il file sharing della sacra hit delle compilation di campane.

Certificati Rubagotti Carlo srl

Affidarsi a un’azienda qualificata, significa poter contare su manodopera specializzata e formata. L’azienda Rubagotti Carlo srl è coperta da assicuazioni specifiche per le lavorazioni che esegue.

  • QUALIFICHE SALDATORI RILASCIATE DALL’ENTE QUALIFICATO RINA, OTTENUTE DA N. 1 DIPENDENTE E N. 2 SOCI LAVORANTI CON RIFERIMENTO N. 2015 VEPO (UNI EN ISO 9606-1:2013) ESEGUITE TRAMITE PROCEDIMENTO 135-SEMIAUTOMATICO – WPS DI RIFERIMENTO 01/2015 – GRUPPO MATERIALE BASE 5275.JR EN 10025.2 ISOTR 15608 1.1. ESAMI EFFETTUATI IN DATA 15/07/2015 E CERTIFICAZIONE RILASCIATA IN DATA 21/07/2015.

 

  • ISCRIZIONE AL RUOLO PERITI ED ESPERTI PRESSO LA CCIAA DI BRESCIA PER CATEGORIA IX MECCANICA, ELETTROMECCANICA, OTTICA E PREZIOSI – SUB. CATEGORIA: CAMPANE. CON ISCRIZIONE DEL 24/01/2012 AL N. 563 PER IL SIG. RUBAGOTTI GIACOMO E N. 562 PER IL SIG. RUBAGOTTI LUCA.
  • ATTESTATO DI FREQUENZA AL CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI ALLA CONDUZIONE DI PIATTAFORME MOVIBILI ELEVABILI CON E SENZA STABILIZZATORI (Art. 73 D.Lgs 81/08 e s.m.i. – All.III Accordo Stato/Regioni 22/02/2012) – svolto nel periodo: 10/03/2018 – 24/03/2018 – della durata di ore 10.
  1. N. progressivo attestato: MD Y00000578 – Eseguito C/O Mandy Srl Cologne BS
  • ATTESTATO DI FREQUENZA AL CORSO DI ADDETTO ANTINCENDIO (Art. 46 D.Lgs 81/08 e s.m.i. – L. 609/96 – D.M. 10/03/1998) – svolto in data: 16/12/2017 – della durata di ore 8.

Aggiornamento triennale – Eseguito C/O Mandy Srl Cologne BS

 

  • ATTESTATO DI FREQUENZA AL CORSO DI CONDUZIONE CARRELLI ELEVATORI SEMOVENTI CON CONDUCENTE A BORDO (Art. 73 D.Lgs 81/08 e s.m.i. – All.III Accordo Stato/Regioni 22/02/2012) – svolto nel periodo: 14/10/2017 – 28/10/2017 – della durata di ore 12.

Aggiornamento quinquennale – Eseguito C/O Mandy Srl Cologne BS       

  • ATTESTATO DI FREQUENZA AL CORSO DI FORMAZIONE, INFORMAZIONE ED ADDESTRAMENTO ANTICADUTA (Art. 36-37-77 c.5 lett. A D. Lgs 81/08 e s.m.i.) – svolto in data: 07/10/2017 – della durata di ore 4.

Svolto da tutti i dipendenti e soci che operano in cantiere – validità illimitata – Eseguito C/O Mandy Srl Cologne BS

  • ATTESTATO DI FREQUENZA E FORMAZIONE PER TUTOR AZIENDALI (Art. 36-37-77 c.5 lett. A D. Lgs 81/08 e s.m.i.) – svolto in data: 10/07/2018 – della durata di ore 12.

Validità illimitata – Eseguito C/O Mandy Srl Cologne BS

 

 

 

Tutti gli attestati in originale sono consultabili presso i nostri archivi situati a Chiari BS in Via dei Vetrai 16.

INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Informativa resa ai sensi del Decreto Legislativo 196/2003 e del Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 Aprile 2016 (GDPR).

1. Titolare del trattamento

Il titolare del trattamento è l’azienda Rubagotti Carlo S.r.l. con sede legale in Chiari , Via dei Vetrai e dell’Agricolutura 16, P.IVA 02803930987

Per l’esercizio dei propri diritti, l’interessato può inviare una email a info@rubagotticampane.it .

2. Finalità del trattamento

I dati sono raccolti per erogare un servizio, per l’esecuzione di un contratto, per rispondere ad una richiesta o a seguito di un conferimento spontaneo dell’utente. Il conferimento è facoltativo. Il mancato conferimento impedirà o limiterà l’erogazione del servizio o l’esecuzione del contratto con l’interessato.

I dati personali saranno utilizzati anche per i seguenti scopi:

  • Invio di comunicazioni tecniche, commerciali, informative, cataloghi, listini, campioni
  • Attività promozionali
  • Ricerche di mercato e controllo qualità

Sono inoltre raccolti in forma anonima i dati di navigazione relativamente a indirizzo ip, data e ora di accesso, URL richiesta. Questi dati sono raccolti per fini statistici, di controllo del corretto funzionamento dei servizi, per ragioni di sicurezza e per ottemperare alla normativa vigente. Questi dati non sono trasmessi a terzi.

3. Destinatari dei dati personali

I dati personali possono essere comunicati a terze parti per l’esecuzione delle finalità del trattamento.

4. Conservazione

I dati personali sono conservati per un periodo di tempo non limitato, a discrezione del Titolare. Ove applicabile sono comunque conservati per il periodo minimo previsto dalla normativa.

I tracciati di accesso sono conservati per 6 mesi.

5. Diritti dell’interessato

L’interessato ha il diritto di chiedere al Titolare l’accesso ai propri dati personali, la rettifica, la cancellazione, la limitazione del trattamento o opporsi al trattamento, la portabilità dei dati. Queste richieste avranno seguito nella misura in cui non siano in contrasto con la normativa.

6. Autorità di controllo

L’interessato ha diritto di proporre reclamo all’autorità di controllo: Garante per la Protezione dei Dati Personali www.garanteprivacy.it

7.

I dati personali non sono sottoposti a processi automatizzati, quali ad esempio la profilazione.

8.

I dati personali non saranno trattati per finalità diverse da quelle per cui sono stati raccolti.

9. Cookies

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro terminali, ove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. I cookie delle cosiddette “terze parti” vengono, invece, impostati da un sito web diverso da quello che l’utente sta visitando. Questo perché su ogni sito possono essere presenti elementi (immagini, mappe, suoni, specifici link a pagine web di altri domini, ecc.) che risiedono su server diversi da quello del sito visitato.

I cookie sono usati per differenti finalità: esecuzione di autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni, memorizzazione di informazioni su specifiche configurazioni riguardanti gli utenti che accedono al server, memorizzazione delle preferenze, ecc.

Cookie tecnici. Sono i cookie che servono a effettuare la navigazione o a fornire un servizio richiesto dall’utente. Non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare del sito web.

Cookie di profilazione. Sono i cookie utilizzati per tracciare la navigazione dell’utente in rete e creare profili sui suoi gusti, abitudini, scelte, ecc. Con questi cookie possono essere trasmessi al terminale dell’utente messaggi pubblicitari in linea con le preferenze già manifestate dallo stesso utente nella navigazione online.

  • In questo sito si usano cookie di sessione, tecnici e di profilazione.
  • L’uso dei cookies di sessione (cioè temporanei che sono rimossi con la chiusura della sessione del browser) è strettamente funzionale all’ottimizzazione della fruizione del sito e quindi a garantire la migliore navigazione nell’ambito del sito.
  • Tra i cookies tecnici sono presenti cookies analitici con anonimizzazione dell’indirizzo IP e relativamente ai quali la terza parte si impegna a non incrociare le informazioni contenute nei cookies con altre di cui già dispone (questi cookies sono equiparati a cookie tecnici dal chiarimento del Garante. Per i cookie di terze parti: Google Analytics
  • I cookie tecnici non richiedono consenso e sono installati automaticamente a seguito dell’accesso al sito.
  • Cookies di profilazione di terze parti.​

    Lo scopo di questi cookies è di analizzare le azioni dell’utente, i siti visitati e fornire, tramite partner terzi, contenuti commerciali e pubblicità in linea con gli interessi dell’utente. Possono essere presenti anche cookies per il collegamento a social network. Potrebbero essere utilizzate tecnologia diverse dai cookies ma analoghe ad esse per gli stessi scopi.

    Terze parti:

    L’impiego delle suddette tecnologie è regolato dalle informative sulla privacy delle rispettive società e non dalla presente informativa.

    I cookies di profilazione sono installati solo dopo che l’utente presta esplicitamente il consenso.

    Il consenso può essere revocato in ogni momento rimuovendo i cookie installati dal sito: Chrome – Firefox – Internet Explorer – Opera – Safari

  • È possibile disabilitare il salvataggio dei cookies modificando le impostazioni del browser. Questo però potrebbe comportare un malfunzionamento nella navigazione del sito. Di seguito i link per le configurazioni dei principali browser: Chrome – Firefox – Internet Explorer – Opera – Safari.
  • Gestione dei cookies. È possibile controllare i cookies presenti e bloccare selettivamente la ricezione dei cookies da singoli operatori a questo indirizzo: http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte

10. Informative specifiche

Per particolari finalità di trattamento sono presenti apposite informative con richieste espresse di consenso.

11. Misure di sicurezza

I dati personali sono trattati rispettando le misure minime di sicurezza previste dall’Allegato B del DL 196/2003 e le prescrizioni dell’art. 32 del Regolamento (UE) 2016/679.

12. Privacy Policy di Google Analytics

La politica di protezione dei dati personali di Google Analytics è disponibile a questo link https://www.google.com/intl/it_ALL/analytics/learn/privacy.html